Il bilancio di Renzi in palle

«So che le elezioni non possono essere il secondo tempo dopo il referendum. Quando si perde a calcio, non ci si riprova con la pallanuoto. Io ho avuto la possibilità di tirare un calcio di rigore il 4 dicembre. Me l’hanno parato… Anzi, 41 a 59 significa che l’ho tirato male, malissimo. E adesso è cominciata una fase politica diversa».

Così Matteo Renzi su Repubblica del 3.2.17, fa autocritica e un bilancio metaforizzando le sue scelte politiche con le “palle” (vere e proprie), raccontate in 3 lunghi e tristi anni di premierato senza voto.


You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.