Brancher, illegittima sceneggiata

Siamo all’ennesima manfrina da Quirinale in salsa piduista: Giorgio Napolitano dice che il neo ministro Aldo Brancher, imputato per aver preso mazzette da Giampiero Fiorani, non ha diritto al legittimo impedimento.
Non fa nulla se Brancher aveva già  bidonato i giudici senza la carica di inutile ministro. Li bidonò assieme alla moglie il 19 aprile scorso con la scusa che Palazzo Chigi gli confezionò un legittimo impedimento travestito da appuntamento istituzionale ad Hannover. Idem per l’udienza del 17 maggio.

La sceneggiata del Quirinale non regge perché non si capisce per quali motivi il famosissimo corruttore di giudici Silvio Berlusconi il legittimo impedimento possa camparlo. Avrebbe potuto presenziare in tribunale anziché andarsene in cerca di tenute presso Siena o alle sue ville delle Bahamas.
Anche il ministro Fitto imputato di corruzione e peculato non si capisce perché abbia diritto al legittimo impedimento con l’omertoso silenzio del Quirinale. Anche il ministro Matteoli imputato di favoreggiamento a Livorno non si capisce perché debba avere diritto al legittimo impedimento.

A questo punto lo si dia anche ad Aldo Brancher! Mazzetta più mazzetta meno ormai chi ci fa più caso? Il neo ministro del federalismo – rinominato “del decentramento” – potrà  mettersi le mani sulle virtù, perché se l’augurio di Bossi rivolto alla nazionale italiana di calcio ha comportato il suo rientro anticipato dai mondiali dopo una ridicola partitella persa con la Slovacchia, significa che il senatur porta un po’ sfiga.

Un ministro nominato apposta senza portafoglio proprio per difendergli il portafoglio rimpinguato grazie alle tangenti di Fiorani, é in linea col piduismo ormai evoluto di questo governo amico della mafia. Contro la legge, la democrazia, la giustizia. Contro la civiltà . Chi avesse occasione, lo urli al nonnetto Giorgio Napolitano.


Sostieni l’informazione libera



You can leave a response, or trackback from your own site.

3 Commenti a “Brancher, illegittima sceneggiata”

  1. PaulKersey ha detto:

    BRAVEHEART non é un film é un’idea.
    Chi ha la possibilità  di avere Giustizia e non fa niente per ottenerla, vuol dire che non la merita.

  2. Mik ha detto:

    Non mi meraviglio del comportamento del P.dC.
    e dei suoi sodali, ed alla fine non mi meraviglio del P.dR che collabora volentieri avvallando tutto.

    Anzi, per mé é strano che
    ora Morfeo si smarca dall’ennesima porcata!
    Va bene firmare tutto, va bene non leggere, ma i suoi collaboratori non gli hanno rimboccato per bene le coperte?

    O il chiasso sotto le finestre lo ha disturbato?

  3. ab ha detto:

    Questa classe dirigente é costituita in stragrande maggioranza da gentaccia.
    Sono la zavorra che ci impedisce di stare al passo con l’Europa; andrebbero chiusi in uno stanzino e buttata via la chiave. Non c’é alternativa contro orchi di tal fatta.
    “Fatevi processare, buffoni!”

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.